MUSICAL ZOO 2016

Dice il saggio: “non si è mai troppo vecchi per certe cose”, ecco il saggio non mi ha vista quest’anno a Musical Zoo.
Sarà che 8 edizioni già non sono poche, poi mettici il fatto che ogni anno c’è qualcosa di nuovo, come l’area Al Bazaar con i suoi soffici cuscinoni e i concertini all’ora di cena; poi diciamocelo la privazione del sonno la gestisci bene solo a vent’anni.
E fu così che già la terza sera avevo gli occhi crepati dalla polvere e ore di monitor e strati di balsamo di tigre spalmati sui muscoli delle gambe: uno straccio insomma.
Poi però bastava poco per farmi distrarre dai miei acciacchi: una partita a ping pong tra i tecnici, una chiacchiera con le ragazze dei vari backstage e poi via a correre di nuovo tra un palco e l’altro.
Questo è il risultato.